Pagine

mercoledì 24 dicembre 2014

Gli ammutinati delle trincee

I due raccontini non vi hanno fatto né caldo né freddo. Proviamo con un consiglio di lettura.
Auguri rigorosamente laici di Buone Feste, che non schifo, a tutti. Non mangiate troppo e se lo fate dotatevi prima di qualcosa che vi aiuti a digerire.


Siamo cresciuti immersi nella retorica della Grande Guerra, ci hanno fatto appigliare a quella speranza d’unità nazionale, di amor patrio sfruttando l’ingenuità della piccola età e solo in seguito avremmo capito, ma non tutti, ciò che la Prima Guerra Mondiale ha significato e da cui avremmo preso le distanze. Chi ha qualche anno in più ricorda bene quando ci intruppavano in fila per due e ci portavano a rendere omaggio al triste monumento ai caduti su cui si poteva leggere l’elenco dei morti della grande Guerra, il tributo di vittime per nome, cognome, età, professione e grado. Il Milite Ignoto, il Sacrario di Redipuglia e tutti gli annessi e connessi. I nonni che ci raccontavano fino allo sfinimento della battaglia di Vittorio Veneto, delle medaglie, arrivate quando ormai stavano esalando l’ultimo respiro, date come contentino a chi era scampato al massacro così come le misere pensioncine che qualcuno non ebbe mai.

Solo crescendo abbiamo appreso cosa realmente fu la Grande Guerra, solo leggendo libri alternativi alla storiografia ufficiale, fu grazie alla memorialistica, basti citare Emilio Lussu Un anno sull’altopiano, e a certa stampa alternativa che si squarciò il velo su una pagina, su un evento storico, che ha contribuito a cambiare lo scenario politico del nostro Paese. E come al solito furono le classi medio basse, in particolare queste ultime, a subire maggiormente gli effetti nefasti della prima Guerra Mondiale, così come era accaduto prima ed è continuato ad accadere poi.

L’agile libro di Marco Rossi Gli ammutinati delle trincee, Edizioni BFS (Biblioteca Franco Serantini), 86 pagine 10€, che parte dalla guerra di Libia del 1911-12 fino ad arrivare al 1918 fine della Grande Guerra ci fa conoscere, oltre alla memorialistica già citata, quegli italiani, e le loro idee, che combatterono due guerre contemporaneamente, una verso il nemico deciso da altri per soddisfare le mire espansionistiche e i voleri dell’industria bellica e dei potentati economici e l’altra tutta interna verso ordini suicidi dati dagli stessi comandanti delle truppe, come al solito non preparate e mandate allo sbaraglio, incontro ad una sicura morte. Ecco allora spiegato il titolo, gli ammutinati, tutti coloro che scapparono, che “si dettero alla macchia”, che combatterono per non eseguire ordini insensati.

I risultati di quella guerra furono morti, invalidi e una crisi economica durissima. Finita l’economia di guerra i disoccupati, con il ritorno dei reduci, aumentarono a dismisura travolgendo anche la classe media unendo contadini, operai, e figli della borghesia, tutti “travolti da una proletarizzazione che li avrebbe portati su posizioni politiche estreme”.

Guerra che divise gli italiani in interventisti e pacifisti a vario titolo, che con l’interventismo e l’accentuazione del nazionalismo aveva in sé i prodromi di quella che si rivelerà come una iattura per l’Italia, il fascismo e l’avvento al potere di Mussolini. Basti pensare alle chiusure delle camere del lavoro di molte città, alla persecuzione dei circoli anarchici che si schierarono contro l’intervento, uno stato di polizia che mirava a far tacere qualsiasi voce contraria alla partecipazione al massacro.

Una “ricerca al rovescio” che cerca di dare voce a chi ebbe il coraggio di schierarsi contro tutto e tutti a discapito, secondo il comune sentire, del proprio onore e del proprio amor patrio. Ammutinati che rischiarono la vita per non morire e non uccidere per gli interessi di pochi cercando di salvaguardare gli interesse di molti, i diseredati che combatterono su fronti opposti.

In questi giorni prenatalizi molto si è parlato di una pubblicità di un grande magazzino inglese che ha riportato in auge un fatto storico ovvero la tregua spontanea per festeggiare il Natale. A poco serve la retorica con cui si è ammantato questo episodio se non si rende merito a chi contro quella la guerra si è battuto a rischio della propria vita.

Nessun commento: