Pagine

giovedì 13 novembre 2014

Dove siete

Dove siete compagni, amici e simpatizzanti, dove vi siete rintanati dopo la pseudo-caduta di Berlusconi. Cosa ne è stato della vostra indicibile indignazione, della vostra dura e pura lotta contro il gaffeur, l'attentatore della Costituzione e via etichettando. Dove siete cantanti e cantautori che avete tratto spunto, notorietà e soldi dalle non epiche gesta del cavaliere disarcionato. E voi scrittori che ci subissavate di parole e concetti in ogni giornale che ve ne desse la possibilità, e la giusta mercede, e finanche libri, pagati dal gaffeur stesso, sui pericoli che costui ci voleva far correre e poi ci ha fatto correre. Dove siete tutti voi che avete provato l'ebrezza di partecipare alle manifestazioni contro il minacciato intervento sull'articolo 18 mescolandovi agli impiegati e agli operai. E dove sono le donne di SNOQ quando una tirapiedi sproloquia sull'aborto e sul femminismo così come quando un pokerista cala le carte in maniera volgare e fuori dal tempo su temi che non gli sono propri. Dove siete rintanati, nascosti.
Forse siete a meditare che avete contribuito alla nascita e alla crescita di politici di secondo e terzo ordine e non avete il coraggio di ammettere che in Italia si stanno mettendo in pratica progetti già pensati e di conseguenza rimasticati dall'altra faccia di Berlusconi. E così passeremo dal porcellum alla porcata
E voi compagni, se posso chiamarvi ancora così, come potete mortificare la vostra storia e le vostre idee, se ancora le avete, convivendo con un dispotico, incolto, usurpatore di cariche? Perfino Emanuele Macaluso, che di certo non è ascrivibile all'ala dura e pura del comunismo ma di cui ho comunque un gran rispetto e ricordo, lo ha scaricato. E voi cosa attendete? Che vi trascini ancor più verso posizioni di destra?  Che vi faccia rimangiare, oltre all'art.18, l'aborto, il divorzio, che prosegua sulla distruzione della scuola pubblica a vantaggio della privata con l'eterna vittoria del ricco sul povero, che riporti la sanità ad un diritto per pochi ed altro altro ancora.
Lo so, le mie sono solo parole al vento che scrivo più per me stesso che per altri. Forse sono destinato a morire perdente ma almeno non cojonato.

2 commenti:

Berica ha detto...

... avete contribuito alla nascita e alla crescita di politici di secondo e terzo ordine...
Almeno di questo non mi sento responsabile.
Caro compagno, io sono qui e continuo a lottare, indignarmi, scrivere e agire nella convinzione che "questo" riuscirà a fare peggio e di più di quello che ha fatto B. se non lo fermiamo ora.

silvano ha detto...

Gap che ti devo dire? Che io non c'entro niente e sono ancora un buono? Gap che ti devo dire?
ciao.