Pagine

mercoledì 9 ottobre 2013

Cani, gatti ed immigrati

Ieri, in uno dei tanti tg, che dovrebbero informarci ma che spesso ci ammorbano -mi sembra quello di Mentana, sono state mostrate delle immagini dell'interno del Centro di accoglienza (chissà se l'ironia è voluta) di Lampedusa. Giustamente mi fanno notare che stiamo parlando di CIE (Centri di Identificazione ed Espulsione) e io aggiungo e correggo quello che prima non avevo voglia di correggere, così ho faticato il doppio. Sono stati fatti vedere dei giacigli all'APERTO creati con un  pezzo di gommapiuma e da teli di plastica nera, sembravano sacchi della spazzatura aperti ma non voglio arrivare a pensare questo. Qualcuno si dovrebbe rendere conto che agosto è ormai passato e siamo in ottobre e che, probabilmente anzi sicuramente, trattiamo meglio i nostri cani e gatti di quelli che, cristianamente e non solo, ci dovrebbero essere fratelli.

Nell'orgia di parole che ancora continua, tra una medaglia e una canzone, un pensiero commosso e una maledizione odiosa (fascisti e leghisti nonché qualche benpensante silenzioso), tra una speranza e una preghiera, tra il lutto nazionale e i funerali di Stato (e i morti se ne sbattono di entrambe le cose) possibile che non si trovino un po' di soldi per realizzare una struttura "degna" di tale nome? Una struttura che possa dare almeno un tetto provvisorio a questi disgraziati? Se si considerasse la situazione di Lampedusa come un terremoto quanto ci vorrebbe per costruire un villaggio di prefabbricati? Possibile che lo Stato italiano e la tanto decantata Europa non siano in grado di affrontare economicamente e materialmente una situazione del genere?

Viene facile scadere nel qualunquismo ma quanto sono costati i viaggi e la permanenza di Alfano, Boldrini, Kyenge, Letta, Barroso, dell'inviato di Papa Francesco mons. Konrad Krajewski? E ci vogliamo aggiungere il codazzo? E sicuramente qualcuno mi è sfuggito. E poi, ministro Mauro, quanti centri di Accoglienza (con la A maiuscola) si potrebbero costruire con il costo di un F35?
Forse sarebbe il caso che qualcuno ci rendicontasse i "180 milioni di euro di spese per i centri, 70 milioni in particolare per i richiedenti asilo e rifugiati" di cui giorni fa ha parlato il Ministro Alfano.

1 commento:

Bastian Cuntrari ha detto...

Sì, era il TG de La7: immagini e situazioni di gran lunga sotto il limite dell'umano.