Pagine

mercoledì 19 giugno 2013

Parole in libertà

Possibile mai che una persona che ha e ha avuto decine di processi non si chieda se in fondo in fondo non abbia fatto qualcosa che andava contro la legge? Possibile mai che l'unica cosa che sappia dire è che è vittima di una cospirazione? Possibile mai che una persona di tal fatta  miri ancora ad essere una figura predominante nella vita politica italiana? Ed è mai possibile che una gran massa di italiani gli dia l'occasione per poter soddisfare le proprie voglie? Chi è più grave il "perseguitato" o i seguaci del perseguitato?

Il concetto di democrazia che alberga in diversi capi di partito è singolare. Va bene che Grillo è un ex comico, lo è tutt'ora anche se involontariamente, ma quando dice che chi non è d'accordo con lui può accomodarsi alla porta dà la giusta misura della democrazia nel M5S. E la Gambaro non è la prima e non sarà l'ultima. La stessa cosa la dice Maroni a proposito della querelle con Bossi e con i suoi sostenitori. Non siamo più alla democrazia malata, siamo alla negazione della stessa.

Strano anche il concetto di partito che circola nel Pd. Ad ogni congresso, ogni elezione, ogni primarie c'è sempre qualcuno che pretende di cambiare le regole. Siamo al solito esempio del bambino con il pallone. Se volete che gioco con voi mi dovete dare un gol di vantaggio e mi scelgo pure chi gioca con me e decido pure quando la partita finisce. Anche questo è un ben strano concetto di democrazia. Così, tanto per affondare il coltello nel burro, io non faccio parte del Pd, anzi ne sono lontano, lo
scanso come una cacca sul marciapiede (anche riconoscendo che all'interno del partito ci sono personcine degne di una qualche fiducia e con cui potrei dialogare) e di conseguenza non ho mai avuto e mai avrò tentazioni di andare a votare alla primarie. Ma, per assurdo, facciamo l'ipotesi che ci voglia andare per chi voterei? Sicuramente non per il candidato migliore o meno peggio che mi presentano ma l'esatto contrario. Non avrei alcun interesse a far andare bene le primarie del Pd. Mettiamo poi che a votare ci vada uno che di solito pende a destra, che logica ha? Quindi di conseguenza perché c'è chi tira la volata per fare le primarie aperte? Il fine è quello di distruggere il partito?

Gli statisti (?) al G8 hanno scelto di presentarsi in maniera informale. La cosa farebbe ridere se non ci riguardasse tutti, volenti o nolenti. In cosa consisteva l'abbigliamento informale? Nell'essersi tolta la cravatta. Il primo commento sarebbe: ma annatevene a fanculo voi e l'abbigliamento informale! Erano ridicoli in completo grigio o nero e camicia bianca senza cravatta. L'ipocrisia fatta abbigliamento.

Immagino il primo commento di molti studenti, e molti italiani in genere, alla lettura della traccia del tema che citava Claudio Magris: "Ma chi cazzo è?".  Altri commenti sono superflui.

Commentare ciò che si legge su Fb diventa sempre più difficile. E' una corsa a chi la spara più grossa, dalla violenza auspicata a Cécile Kyenge al motivo in più per non mangiare il tonno dopo l'annegamento dei migranti alle porte dell'Italia. Occorre però dare atto che la fantasia (malata) dei leghisti è un pozzo senza fondo.

L'errore fatto con la primavera araba, qualcuno sperava che la "rivoluzione" prendesse una strada filo occidentale, si sta ripetendo con i ribelli siriani. E così come si fece per i talebani in Afghanistan, si sta correndo il rischio di armare fazioni estremistiche che potranno usare quelle stesse armi verso coloro che gliele hanno fornito. L'ennesima dimostrazione che non è più tempo di risolvere i conflitti con le armi. Forse sarebbe il caso di iniziare a capire come prevenirli.

Erdogan è un altro campione della democrazia. Costui è quello che ambiva ad entrare nell'Ue e si incazzò di brutto quando qualcuno disse che ancora non erano pronti. Si è incazzato talmente tanto che ora che ha fornito al mondo intero la dimostrazione pratica della veridicità dell'argomentazione del rifiuto dichiara che non riconosce il Parlamento Europeo. La volpe e l'uva? Certo non immaginava che in Turchia ci fossero ancora tante teste pensanti. Un altro conto sarà scoprire in seguito che non tutti sono filo occidentali (vedi sopra).

7 commenti:

il Russo ha detto...

E con questo post, ineccepibile in ogni sua parte, posso andare a dormire certo di star peggio di ieri e meglio di domani...

Cri ha detto...

Sul G8 l'unico commento che mi viene di fare è: beh, è andata sempre meno peggio che a Genova nel 2001. E ho detto tutto.
Su Berlusconi stavo giusto discorrendo col marito (invece di dormire, o di fare altre cose) in questo istante medesimo: certo che dagli e dagli i nodi vengono al pettine, ma è anche vero che gli italioti sono maestri nel portare in cielo uno e poi appenderlo a testa in giù, e il berlusca avrebbe dovuto ricordarlo, tatuarselo sulla fronte come memento. Oggi la Consulta, i media tutti, il popolo, scoprono chi è Berlusconi, gli intrallazzi che ha compiuto, i crimini di cui si è macchiato? Prima glieli hanno lasciati fare per vent'anni, chiudendo gli occhi su quelli - tanti - commessi prima, per salvarsi dai quali lui è sceso in politica (e non viceversa, come vuole la fola della mitologica epopea da lui medesimo allestita e bevuta da masse di dementi che hanno per lustri e lustri negato l'evidenza dei fatti) e ora, solo ora, si accorgono di qual personaggio li ha rappresentati nel mondo, governati, egemonizzati? Verrebbe quasi di rimettere l'onore a quelli del PD, gli unici, a quanto pare, che in questo momento gli sono rimasti vicini...
Buonanotte, Gap, e saluti alla signora.

Bastian Cuntrari ha detto...

Commento in libertà, nel senso che salto di palo in frasca.

1-Berlu avrebbe la possibilità di verificare se è davvero un perseguitato. Qual è - secondo lui - la Procura della Repubblica che più gli è "vicina"? Rocca Cannuccia di Sotto? Bene. Organizzi da quelle parti una festicciola con tanto di escort, minorenni e bunga-bunga. E poi vediamo se anche quei PM, competenti per territorio, lo perseguono. Immagino diventeranno subito toghe rosse. I seguaci del perseguitato? Ne abbiamo già parlato e sono convinta che siano tutti invidiosi delle libertà che lui può prendersi e loro no. Una sorta di transfert psico-politico.

2-FB. Ho aperto 5-profili-5 che utilizzo solo per giocare a WordTornado. A chi ama Scarabeo o giochi simili lo consiglio. Il resto è fuffa allo stato puro.

3-Il PD. "... mettiamo poi che a votare (alle primarie, ndr) ci vada uno che di solito pende a destra, che logica ha?"
Da un po' di tempo - come ben sai - non pendo più a destra, ma neanche troppo a sinistra. Allora, stante la scelta politica che mi si offre, che opportunità ho? Non andare a votare certamente no. Scheda bianca? Idem come sopra. E allora, visto che il PD è l'unico partito in cui trovo un'offerta politica simile al mio "sentire" (vogliamo definirlo liberal-socialista, tanto per appiccicare qualche etichetta?), lo voto. E vado pure alle primarie. E faccio pure il rappresentante di lista (giuro!), ma non per "distruggere il partito" come affermi, ma solo per contribuire a far vincere chi è più vicino alle mie idee, che solo in quell'ambito sento rappresentate. E come me, centinaia di migliaia di persone. Ecco il perché delle primarie "aperte": diversamente si sarebbe alla "negazione della democrazia".
Come per il M5S e la Lega.

Gap ha detto...

Cara Bastian, a proposito delle primarie,pensi che in Italia siano tutti intellettualmente onesti come te?

Bastian Cuntrari ha detto...

Per quanto personalmente mi consta - nel senso che mi sono confrontata con molti che hanno le mie stesse idee - sì Gap. Certo, non tutti. Ma tanti.

Posso essere un po' cattiva con te, Gap caro? Non è che, con il passare degli anni, sei diventato più intransigente e selettivo? Così facendo (è il mio modesto parere) ci si chiude a riccio e ci si allontana dal resto dell'umanità: da quella che non ci piace - è vero - ma anche da quella parte che potrebbe piacerci.

Gap ha detto...

No, non mi sto chiudendo, te lo assicuro. Tutte le mattine al bar sotto casa facciamo dei comitati centrali che nemmeno ti immagini. Uno di SeL che non fa altro che rimpiangere il passato e continua a parlarti anche quando sei sulle scale di casa, un piddino giovane e simpatico che se fossero tutti come lui gli darei una mano, un rifondarolo che probabilmente non se nemmeno perché è ancora di Rif Com e io e Luz nella parte dei cani sciolti. Ci si confronta, si discute e si prende caffè con una sigarettuccia tra le labbra.
Di certo non cambieremo il mondo ma ancora siamo in grado di parlarci.

Ernest ha detto...

Gap hai detto tutto te e l'hai detto come sempre bene, che altro aggiungere... mi viene sempre più il nervoso
un saluto