Pagine

lunedì 22 aprile 2013

Diciamo che si capisce poco poco poco dove voglio arrivare. Metafora eccessivamente criptica.

Folla a Roma sotto la Federazione Italiana Gioco Calcio. Sono i tifosi della squadra giallorossa che inneggiano a Totti e urlano a gran voce "Scudetto, scudetto". C'è qualcosa che non torna. Il campionato lo ha vinto la Juve, allora perché i romanisti urlano scudetto? Proviamo a chiederlo a uno di loro e la risposta ci lascia di stucco: "Perché noi lo vogliamo". Resto basito e provo a rispondere: "Ma il campionato lo ha vinto la Juve e voi siete arrivati sesti", " E che ce frega? Noi c'avemo Tottigol".
Altra gente si avvicina sempre urlando la fatidica parola, sono gli azzurri del Napoli retrocessi per aver venduto alcune partite. Non capisco cosa stia accadendo e chiedo anche a loro il perché della richiesta: "Mica ce le siamo vendute noi le partite, sono stati i giocatori e noi vogliamo lo scudetto perché ce lo aveva promesso il presidente"
Arrivano i milanisti e gli interisti che portano a sostegno delle loro posizioni che i loro allenatori non capiscono una sega di calcio ma che hanno le squadre più forti e quindi meritano di cucire sulle maglie lo stemmino con i colori nazionali.
Ormai è una ressa indescrivibile, tifosi di tutte le squadre che portano le loro ragioni, anche demenziali per rivendicare la vittoria sul campo. Mancano solo gli juventini. No, che dico, eccoli che arrivano e protestano anche loro. "No allo scudetto" è il loro grido, e vengono salutati con un boato e applausi da tutte le parti. Ma perché questa protesta: "Noi lo scudetto non lo volevamo, volevamo perdere ma non ci siamo riusciti. Abbiamo anche menato a qualche giocatore, li abbiamo chiusi in camera per non farli giocare ma gli altri ci hanno fatto vincere. Noi questo scudetto non lo vogliamo".
Non ho capito molto di tutta la situazione. Dal prossimo anno mi occupo di hockey su prato.

6 commenti:

il monticiano ha detto...

Qualsiasi riferimento alla situazione politica attuale qui in Italia ivi inclusi gli indegni suoi rappresentanti è puramente casuale?

silvano ha detto...

Indegni rappresentanti ma indegni e rincoglioniti anche gli elettori.

Continuo a dire la stessa cosa, un mantra rincoglionito al pari mio, ma questa è l'eredità del berlusconismo, non altro.

Per ripartire, bisogna accontentarsi di essere pragmatici e smettere di fantasticare l'impossibile: guardare la realtà, reagire almeno alle emergenze, rifinanziare la CIG semza guardare in faccia nessuno, e poi andare a votare sperando di aver l'umiltà di far un'analisi di realtà.

listener-mgneros ha detto...

io di rugby da parecchio, dove la lealtà e l'ideale contano, e dove non ci si sente divi....riferimenti politici? OF COURSE!

Ernest ha detto...

io mi butto sul curling

il Russo ha detto...

Lo vuole lagggente, feisbuk e tuitter, non capisci niente...

Cri ha detto...

E FORZA ITALIAAAAAAAA...