Pagine

martedì 26 febbraio 2013

I nuovi pentiti: "Se lo sapevo votavo Grillo"

"Se lo sapevo votavo Grillo".
Tralasciamo il non-italiano della frase perché è il concetto che conta: mi sono pentito di essere fuori dal coro. In molti si staranno preoccupando di non essere saltati prima sul carro del vincitore, perché indubbiamente Grillo è il vincitore di queste elezioni. E come poteva non essere lui se qualche candidato gli ha posto su un piatto d'argento i propri elettori? Prendiamo Ingroia, non ancora sbarcato dall'aereo dal Guatemala dichiara che occorre cercare un accordo con Grillo. Ma perché dovrei votare Ingroia per fare un accordo con i cinquestelluti se posso votare direttamente loro? E infatti Rivoluzione Civile non realizza nemmeno la metà della somma algebrica dei voti dei partitini che componevano la coalizione. Per non parlare del mitico Niki che in pieno rush finale dichiara anche lui che va ricercato l'accordo con Grillo, e altri voti partono per la tangente.
E mi chiedo di che proporzione è l'emorragia di voti del Pd verso Grillo. Nonostante il voto utile non si è arrivati a nulla. E a parte tutte le analisi che verranno fatte dai politologi sui flussi elettorali, resta il fatto che il Pd ha ormai poca presa sul popolo(?) di sinistra. Ma esiste ancora la sinistra? Così, tanto per fare una domanda banale. E' un partito molliccio il cui segretario paga anche colpe non sue, colpe ereditate dal passato. E trovo banale il pensiero e banali le persone che ora dicono che se ci fosse stato Renzi sarebbe stato diverso. La scelta è stata un'altra e fatta in piena libertà. I banali si chiedano piuttosto se hanno fatto il loro dovere di militanti perché le colpe non sono sempre e solo dei vertici. Con il senno di poi, a cui nessuno può sfuggire, mi chiedo se non sarebbe stato meglio, per il Pd, andare subito alle elezioni dopo il cambio della guardia a Palazzo Chigi. Ci sarebbe andato in una posizione di forza senza dover spiegare a nessuno perché ha dato l'appoggio al governo Monti. E non mi si venga a dire che l'Italia andava salvata subito. Non siamo salvi, anzi, stiamo sempre peggio e non si sa ancora come staremo già domani.

"Con oggi inizia la Terza Repubblica"
Così un commentatore colto al volo nello zapping di ieri. Ma siamo sicuri che sia iniziata la Terza e non siamo invece ancora nella Prima? E se è iniziata una terza fase, siamo sicuri che è o sarà una Repubblica?

In molti si sono beati e, direi, hanno sperato in Crozza, sì, il comico. Invece, come sempre ed è giusto che sia così, i comici non spostano voti. Infatti Grillo non è un comico o perlomeno ha smesso di esserlo da anni. Se fosse vera la fola sui comici non avremmo subìto, e ancora subiamo, Berlusconi. Quali le critiche più feroci verso il Cavaliere di quelle dei comici di Zelig? Il risultato? Un ventennio berlusconiano. E' che gli italiani sperano sempre, fortunatamente non tutti, che qualcun altro levi loro le castagne dal fuoco.

Grillo ha vinto, viva Grillo. Ora lo voglio vedere a gestire la "cosa" politica. Lo voglio vedere andare al di là dei latrati con la bava alla bocca, alla generica enunciazione di principi contraddittori e, persevero, in molti casi razzisti, fascistoidi, qualunquisti e demagogici che potete trovare nelle sue parole e nel suo presunto programma. Voglio sperare che si renda conto che una cosa è parlare alle piazze, allo stomaco dei plaudenti e un conto e far quadrare il bilancio dello Stato da cui dipende il benessere dei suoi (?) compatrioti.

Tralascio ulteriori commenti sui sondaggisti italiani, sul Porcellum, sulle cazzate dette in tv ieri da porci e cani (senza offesa per gli animali) e speriamo in una resipiscenza di massa per i prossimi mesi quando si dovrà andare a votare di nuovo.

16 commenti:

Martina Di Renzo ha detto...

ho la nausea. no non sono incinta. magari fosse per quello.

Cri ha detto...

Si possono fare tutte le spietate disamine che si vogliono, e che magari necessitano, anche. Rimane il fatto che, mentre quelli di destra se ne stravacafottono e votano berlusca in saecula saeculorum, quelli di sinistra (e segnatamente, son sicura, parecchi che alle primarie avevano votato Renzi) hanno votato Grillo (Grillo?) per metterla in c*lo al PD. Non per dare un segnale politico, non per proporre un nuovo progetto: no, proprio per livore, furore, cieca ottusa voglia di rivalsa. Grillo, insomma, è di destra ma sottrae voti (e quanti!) solo, praticamente, a sinistra. Un capolavoro di efferatezza che solo da noi si poteva realizzare.
Stamane mi sono svegliata con l'impressione di avere sulle spalle un fardello troppo pensante da portare. L'incubo è diventato troppo orribile da sostenere: per vent'anni ho sperato, sempre più fievolmente, di liberarmi di un pessimo pagliaccio populista, ma mai avrei creduto di dover ringraziare gli astri benevoli per non avermi fatto giungere ancora al punto di non aver più mani da pararmi per fronteggiarne due.

Melo ha detto...

Penso che ormai è tempo di dire che più della metà degli italiani fanno schifo, non pensano affatto al proprio paese ma ai loro sporchi valori e conti in banca.
Lasciamo stare la classe politica che non riesce nemmeno a fare un copia e incolla, adattandolo al contesto italiano, del welfare e dei servizi di alcuni paesi come Norvegia, Olanda ecc, incapace e senza strategie di prospettive future....il vero problema è che a più di mezzo popolo italiano piace avere strade distrutte, servizi fatiscenti, dirigenti che rubano in tutti i settori, ragazzi.e, uomini e donne che muoiono di fame.
C'è una forte anima e rappresentanza italiana di votanti che è ignorante, egoista e ladra, altrimenti non si capisce questo voto.
Non lo voglio più capire, basta, non vedo prospettive e soprattutto non voglio sentire ignoranti e ladri che mi circondano.

Scusa lo sfogo e grazie di esistere GAP.
Un abbraccio
Melo

Zio Scriba ha detto...

La cosa più ridicola sono stati, come sempre, gli exit poll. Perché non risparmiano tempo e soldi? Non l'hanno ancora capito che gli exit poll saranno sempre sbilanciati a sinistra, perché la maggioranza degli italioti (ignoranti, creduloni, bigotti, fascisti, disonesti) SI VERGOGNA di dire per chi ha votato, ma poi quei voti (purtroppo?) segreti sono sempre una valanga?

Poi, c'è l'eterna storia dei capponi di Renzo: da noi anche gli intelligenti e gli onesti fanno di tutto per non sembrare intelligenti, e Don Rodrigo ringrazia...

Ernest ha detto...

Ciao Gap
non sono un mago ma se fossimo andati subito al voto il centro sinistra (?) avrebbe sicuramente fatto meglio di questa volta... invece si è fatto intortare in politiche liberiste per salvare un paese che ora è in una situazione peggiore, ha permesso a B. di sparire lasciando Angelino davanti ai riflettori, per tornare poi dopo mesi gridando al disastro provocato da Monti e centro sinistra. Il risultato lo abbiamo visto.
Credo non si possa sempre chiedere solo un voto contro, credo che si debba andare incontro ai problemi della gente, nei posti di lavoro e non pretendere di essere votati solo perchè dall'altra parte c'è il marcio, altrimenti poi si fa questa fine. Ho avuto il "dispiacere" di avere a che fare con amministatori di centro sinistra della mia regione e ti assicuro che mi hanno fatto venire dubbi, rabbia e altro.
Poi chiaramente il 30% di questo paese ha berlusconi dentro e non c'è niente da fare.
Su Grillo mi è bastato sentire una loro rappresentante ieri rispondere la stessa cosa venti volte... "noi votiamo le idee volta per volta". Non aggiungo altro
un saluto

Cristiana Moro ha detto...

Molto giusto ciò che dici.
Spero che facciano in modo da mettere alla prova i grillini, prima di nuove elezioni, altrimenti farebbero man bassa e probabilmente lo meriterebbero.
Cristiana

ToninoAut ha detto...

Caro Gap, non mi sembra che fino ad adesso i conti dello stato li hanno fatti quadrare bene, se lo hanno fatto è per le loro tasche.
Io ci vedo una possibilità di cambiamento reale...il PD è costretto a spostarsi a "sinistra "se non vuole morire, il discorso di Bersani ieri è stato chiaro"per chi vuol leggere le parole", vedo più difficoltà ad accettare un programma di cambiamento reale da parte di un pezzo "Marcio" del pd che da parte del M5S. Fino a prova contraria io credo che bisogna dare fiducia a questa voglia di cambiamento.
sempre con affetto
Tonino Aut.

Bastian Cuntrari ha detto...

Parlo per (indiretta) esperienza personale.
Nell'ambiente lavorativo di mio marito, una marea di suoi colleghi - tra cui molti militari, che da sempre hanno votato a destra - hanno scelto Grillo.
Due nostri cugini insegnanti ed ex elettori PdL (lui leggeva regolarmente Libero e Il Giornale), idem.
Io non credo che ci sia tutto questo spostamento di voti da sinistra a Grillo: è un voto - a mio parere - assolutamente trasversale. Questa è la cosa più tragica.

E tanto per tirarmi addosso le tue ire funeste, non essendo mai stata - come ben sai - una "militante", e collocandomi (stante il tuo ragionamento) tra le persone "banali" dico che se ci fosse stato Renzi oggi vedremmo un altro film: sempre a mio parere, il PD avrebbe fatto il pieno, forse il Berlusca non sarebbe risceso in campo, e Monti non sarebbe salito. Avrebbe aspettato con calma l'investitura probabile a prossimo Capo dello Stato. E - sempre per me - ora potremmo sperare di salvare capra e cavoli. Ma tu sei più preparato e intelligente di me. Probabilmente sbaglio.

Punzy ha detto...

soltanto io mi sento ottimista??
non ho votato grillo, manco lo volevo votare ma sono proprio curiosa di vedre cosa faranno i grillini al governo; se sapranno essere mentalm,ent eindipendenti dal loro guru..e poi, ci pensate? Con i grillini che fanno i duri&puri, il Pd non potra' inciuciare, non porta' fare il collaborazionista segreto di Brlusconi, magari sara' costretto, dall'enorme controllo sociale a cui sono sottoposti i deputati grillini dal loro elettorato (che, spero sara' maggiore di quello del loro guru)a fare cose buone ed egregie, per la prima volta in questa seconda repubblica. Forse siamo gia nella terza. Si, l'ho detto

Gap ha detto...

Bastian-Che il voto a grillo sia stato trasversale non ci sono dubbi, attendo le analisi dei flussi per vedere quanti hanno abbandonato il cs per Grillo. Sono più di quelli che immaginiamo.

Bastian, ribadisco la domanda è banale, lascia stare le sparate dell’incazzato. Si sono fatte le primarie? Sì, ha vinto Bersani. Aallora tutti dovevano lavorare per Bersani. Lo stesso Renzi è entrato in campagna elettorale solo alla fine e solo perché gli è stato chiesto. In un partito, e non bisogna essere militanti nel senso stretto della parola per saperlo, se vince una posizione si porta avanti quella altrimenti, se sotto sotto si lavora contro, si chiama scissionismo. Se si lavora tutti insieme si raggiunge il risultato, o almeno ci sono più probabilità. Tirare fuori ora la storia “se avesse corso Renzi” ha lo stesso valore del “se si fosse andato al voto prima”. D’altronde se Renzi non ha vinto ci dovrà pur essere un motivo?
Lascia perdere l’ironia sui preparati e gli intelligenti. Potrei morderti via etere.

Gap ha detto...

Tonino- Caro Tonino, mi hai mai sentito affermare il contrario sui conti? No, penso proprio di no. Ma se solo penso a quanto ci sono già costati in interessi sui bot a breve e lungo termine queste elezioni impallidisco.
Sulla possibilità che il Pd si sposti a sinistra siamo nel campo delle pure ipotesi. Già l’ala destra veltroniana con quel campione di Fioroni in testa, sta chiedendo la testa di Bersani e gli stanno chiedendo conto dell’alleanza con Vendola. Qualcuno ipotizza già del provare a sondare il PdL invece di grillo. IL PD E’ UN PARTITO PERSO NEL NULLA. A Bersani davo la buona fede e l’onestà. Agli altri non me la sento di dare nulla se non in c…. e fuoco ai capelli. (La volgarità ci stava bene).
Io, personalmente, come già detto ho tutto da guadagnare dalle proposte Grillo. Anche sulla mia busta paga dell’Inps che mi decurta la pensione di non meno di 500€ al mese. Mi sono letto il programma, versione breve e lunga (si lo so sono un demente). E’ una enunciazione di buone idee più o meno condivisibili. E’ quando si clicca nella speranza di vedere accendersi il link e leggere come realizzare il quaderno dei sogni che cascano le palle. Non si apre nulla!!!! Si resta fermi all’enunciazione.
E’ come se dicessi vado al governo e le pensioni minime saranno di 1.5500€ ma non spiego a nessuno come lo farei, dove troverei i soldi, e con chi lo farei. Il nulla.
Anche Mussolini incarnava la voglia di cambiamento e anche lui faceva le adunate oceaniche, mostrava al mondo un esercito da far paura. Peccato che fossero solo sagome di cartone.
L’affetto sempre.

Gap ha detto...

Penso, con le due risposte sopra, di aver risposto anche agli altri. sapete che sono allergico alle risposte, l'ho fatto per Bastian altrimenti si lamenta e dice che sono un maleducato (in parte è vero, anche comunista, mangiapreti e bambini).

Gap ha detto...

In aggiunta e inizio a tremare anche io.

Ogni mese lo Stato deve pagare 19 milioni di pensioni e 4 milioni di stipendi pubblici. Questo peso è insostenibile, è un dato di fatto, lo status quo è insostenibile, è possibile alimentarlo solo con nuove tasse e con nuovo debito pubblico, i cui interessi sono pagati anch'essi dalle tasse. E' una macchina infernale che sta prosciugando le risorse del Paese. Va sostituita con un reddito di cittadinanza.
Tratto dal blog di Grillo.

Attendo che spieghi a tuuuuuutti cosa intende per reddito di cittadinanza e in che misura verrebbe corrisposto.

Punzy ha detto...

Lui non dara' alcuna risposta, la fara' dare ai suoi deputati. Io di mio ribadisco l'ottimismo; Se riusciranno ad essere indipendenti mentalmente da lui potranno nascere cose buone. Del resto, sono di fronte ad una scelta: o iniziano a cercare di capire come cambiare questo paese oppure il governo cade e stavolta la responsabilita' ce l'avranno loro e la sconteranno alle urne

Gap ha detto...

Stiamo parlando di gente che non sa nemmeno che senza un governo non si fanno riforme, che non hanno capito come si convocano le camere, quanti deputati e senatori ci sono Non basta lanciare idee per farle diventare leggi, ci vogliono le coperture finanziarie. Insomma, ma che cazzo stanno a di'?

il Russo ha detto...

Siamo alla follia e c'è la fila per giustificarla.