Pagine

domenica 24 febbraio 2013

Cari grillini, valletti del Santone, grazie per farmi divertire

Grillini miei diletti, fonte di divertimento e, confesso, un poco di preoccupazione, come potrei trascurarvi in una giornata come questa? Come ignorarvi in quello che dovrebbe essere l'epilogo di una campagna elettorale giocata fino all'ultimo minuto grazie alle nuove tecnologie?
Vi si legge in ogni dove, cercate di occupare tutti gli spazi virtuali, da Fb, a Twitter, ai singoli blog per non parlare dei siti d'informazione. E, purtroppo per voi, siete sempre gli stessi, con le medesime non-argomentazioni e i canonici insulti.
Prendiamo per esempio il sito Globalist, dove più di qualche volta vengono ospitati i miei indegni scritti. Ci siete sempre, commentate tutti i pezzi che anche lontanamente riguardano il vostro capo, rivolgete accuse che vanno dall'essere scarsamente professionali, di non essersi informati, di non aver letto il programma grillesco, di difendere posizioni di privilegio, e via dicendo fino a scadere nel ridicolo accusando di essere pennivendoli capaci solo di scrivere. Lo sapete? E' un bel complimento per il pennivendolo di turno, saper scrivere, cosa che molti di voi non sanno nemmeno dov'è di casa.
Mai e nessuno di voi adepti ha sentito il bisogno, l'urgenza, di contrastare i pennivendoli prendendo carta e penna o tastiera e schermo e fare un bel riassunto del mitico programma di grillino verbo. "Non lo avete letto", "non lo avete capito" e via dicendo. Ma allora se questo programma esiste e non è solo un'accozzaglia di slogan di dubbio gusto e qualità, di cose già sentite, di dichiarazioni razziste, fascistoidi, qualunquiste, demagogiche dette per vellicare (tranquilli, non è un insulto) gli istinti più bassi perché non ci fate un bel riassunto? Voi vi sareste esercitati nell'uso della lingua italiana e noi avremmo appreso qualcosa che dite che non sappiamo.
Su Globalist, dicevo, siete presenti solo per insolentire, sono pochi quelli che accettano e sanno portare avanti un confronto serio e pacato e, alla fine, si scopre che sono degli indecisi. Per voi attaccare il santone vuol dire automaticamente difendere coloro che ci hanno s-governato fino a d ora. E siete presenti in massa per votare il sondaggio su chi vincerà le elezioni. Bravi, il capo ha sempre bisogno di gente plaudente e priva di dubbi, che agisce e non pensa, che non legge, non scrive, non parla ma ubbidisce. E che riempa le piazze per dare dimostrazione di forza e non di confronto.
Non vi riesce di capire che ci potrebbero essere anche altre sfaccettature, che ci potrebbero essere anche altre gradazioni di colore. Ma tanto a voi non interesserebbe comunque visto che siete tutti tesi, forse anche il braccio destro, a sostenere e difendere le posizioni del capo. E ciò vale anche per quei transfughi della sinistra che sono giunti felici e contenti all'approdo su una nave piena di incognite. Per qualcuno si è trattato comunque di un ritorno all'avita casa lasciata negli anni addietro.

8 commenti:

listener-mgneros ha detto...

condivido in toto!!

Alessandra Villani ha detto...

Hai letto nel mio pensiero e lo hai espresso molto meglio di quanto avrei saputo fare io. Condivido ogni singola sillaba. Ale

rouge ha detto...

Qua dove sto io vedo ex-legaioli difendere con la stessa foga di qualche anno fa il "nuovo" verbo, e mi spiace per i militanti del movimento, anzi del MoVimento, che almeno da me sono davvero dei bravi ragazzi al limite dell'ingenuità, purtroppo. C'è il rammarico che a sx non si sia stati capaci di raccogliere tanta energia.

il monticiano ha detto...

Gap tu hai scritto quello che penso io e che non sarei mai stato capace di scrivere.
Io non mi curo di loro, ancora quel poco di mente che m'è rimasta mi sorregge e tanto basta.

Berica ha detto...

Vedo le stesse cose che vede @rouge ma non sono dispiaciuta per i militanti... ognuno si prenda le responsabilità delle sue scelte.

Condivido questo video http://youtu.be/ToBgJJuUNrM dal blog di "un comunista qualunque":
http://senzapelisullatastiera.blogspot.it/2013/02/attenzione-prima-di-votare-grillo.html

Marte ha detto...

Gap secondo me il prossimo articolo/post dovresti farlo sul "gomblotto delle matite cancellabili":

http://storify.com/carlogubi/il-gomblotto-delle-matite-cancellabili

Ernest ha detto...

Sottoscrivo tutto decisamente! !!

Cri ha detto...

Il mio sentimento negli ultimi giorni è oscillato tra sconcerto e profonda amarezza. Ho scoperto l'imbecillità di persone insospettabili, talvolta di amici o amiche care. Strappi dolorosi.
Speriamo vivamente nel default del voto di centrodestra e una conseguente ampia forbice di distacco con il centrosinistra al Senato. Così almeno alla calata delle cavallette (altro che grilli, questi so' cavallette) verrà tolto il propulsore, e potremo tornare ad inquietarci (e ad incazzarci, anche perché no) per cose serie, in politica e nell'ordinaria quotidianità del nostro disgraziato Paese.