Pagine

martedì 15 febbraio 2011

Siamo strani, diciamocelo.

Sempre più strano questo paese. Fino a pochi mesi or sono la sinistra (nella sua vasta ed indefinita accezione) era il ricettacolo di tutte le perversioni sessuali e il luogo deputato per riunire quei comportamenti sessuali che non rientravano nei canoni della cultura italiota bigotta e retrograda. A sinistra, quindi, puttane e puttanieri, lesbiche e froci, trans, sodomiti, pedofili e tutto quel che volete voi. Eravamo senza morale, la libertà sessuale invocata e predicata ci aveva portato ad essere i reietti della società.
Ora, pur di giustificare il premier e le sue presunte malefatte con minorenni e la sua condotta morale, siamo diventati moralisti, bigotti e retrogradi. In pratica stanno invertendo i ruoli solo gridando. Sparala grossa, dilla spesso e ad alto volume e diventerà una verità. Se fosse vero (fino a prova contraria non è stato ancora condannato anche se il solo fatto di essere sospettato lo dovrebbe indurre a togliersi dai cojoni, cosa che avrebbe dovuto fare da tempo per come ha condotto la cosa pubblica) b. ha commesso due reati, in questo caso, e quindi va giudicato e condannato se il caso.
Ma, a sentir il centro-destra, il tutto è un enorme complotto per colpire b., questi magistrati rossi che hanno talmente tanto potere che non sono riusciti mai a condannare l'imputato. Per un semplicissimo fatto, lui è più forte e si è fatto le leggi a suo comodo. Qualsiasi magistrato prende posizione contro b. automaticamente diventa una toga rossa senza preoccuparsi se ha lavorato bene o meno bene.
Se alla luce di quanto esposto ci azzardiamo a parlare dell'Italia come di un paese che sta scivolando verso il basso nella scala della democrazia, siamo accusati di diffamare l'Italia. Però andare su tutta la stampa mondiale perché sospettato di essere un frequentatore di prostitute, anche minorenni, non è una cosa che ci fa vergognare, anzi dovremmo essere contenti perché lui incarnerebbe il mito dell'italiano scopatore. La cosa è vomitevole.
Indubbiamente sarò contento quando si toglierà di torno, anche giudiziariamente, ma, come detto tante volte, preferirei che venisse sconfitto sul piano politico, sarei contento se riuscisse a passare una linea politica diversa, alternativa ad un centro destra che ha trascurato i bisogni del paese perché impegnato a proteggere il proprio capo.

6 commenti:

Chica ha detto...

guarda...a sto punto pure la Comare Secca!!!!

Marte ha detto...

Caro Gap, sarebbe preferibile il piano politico, certo.
Ma quel piano si è inclinato già da troppo tempo verso il fondo.

Forse la cosa più politica di cui si parla negli ultimi giorni è se sarà festivo o meno il 17 marzo...

Altro che fondo.

la Volpe ha detto...

non posso non concordare con l'ultima parte specialmente

Punzy ha detto...

mi associo a Chica; inoltre, mi auguro che non ci provo nemmeno a scappare ad hammamet..

Gapo, che ci vuoi fare; pure Al capone , alla fine, lo incastrarono per tasse..

Ernest ha detto...

Anche io vorrei batterlo politicamente, con una sinistra di lotta e tutto il resto, poi leggo che Bersani strizza l'occhio a Calderoli e che se si parla di candidati iniziano a spintonarsi tutti, con la solita frase "prima i contenuti" e allora come si fa...

Luz ha detto...

Comunque spero di vederlo finito, anche morto, perché no, giuro che ubriaca fradicia per i troppi brindisi, mi vedrò pure i solenni funerali di Stato.