Pagine

martedì 7 dicembre 2010

Onestà politica e intellettuale

"Il ribaltone e' un sovvertimento della volonta' popolare. Non credo che ci saranno ribaltoni''.
''La politica e' innanzitutto onesta' intellettuale''
''C'e' un momento la mattina in cui mi guardo allo specchio e mi dico che c'e' un limite oltre il quale non si puo' andare, pena la dignità''
''Evitare gli sprechi si'. Ridurre i costi si'. Non pero' cadere nel qualunquismo pericoloso di dire che non un soldo pubblico deve andare alla politica, perche' cio' esporrebbe la politica al rischio di essere condizionata da altri poteri di tipo finanziario''

Quelle riportate sono frasi dette non dal mattarello che siede sulla fontana della piazza del paese ma dal Presidente della Camera dei Deputati della nostra Nazione. Colui che dal mese di luglio, sono già sei mesi, tiene in vita un governo morto aprendo il rubinetto dell'ossigeno appena in tempo prima che esso esali l'ultimo respiro, contravvenendo alle sue stesse convinzioni, se vere, sul diritto alla morte. Se la politica è onestà intellettuale, come fa a dire tutto e il contrario di tutto. Tanto per essere chiari riporto la frase intera indirizzata alla giovane esponente del Pdl ieri a Roma: "Ma cosa ne pensa lei di tante promesse non mantenute e di impegni disattesi da chi aveva promesso che la legge sarebbe stata uguale per tutti e poi si e' occupato solo degli affari suoi? Se qualcuno fosse piu' umile e pensasse di aver torto lui, invece di invocare sempre il complotto, se qualcuno dicesse che alcuni impegni non sono stati mantenuti, le cose sarebbero state migliori".
Andiamo oltre il Sor Tentenna.

2 commenti:

silvano ha detto...

E' la fortuna ed il limite di Berlusconi essere circondato da mediocri. Gliela staccano cmq la spina!? è che dopo non sanno che fare. A dir la verità temo che i futuristi non siano gli unici a non saper che pesci pigliare nel mare magnum del dopo berluska.

Ernest ha detto...

la cosa che mi fa ancora più uscire di testa è vedere un'opposizione che per due anni ha sperato nella caduta del governo e ora invece....