Pagine

martedì 2 novembre 2010

Lo stupratore

Avevo scritto il precedente post-icino per fare un esperimento. All'interno avevo messo tutte le parole chiave per far schizzare in alto i contatti. Ma le solite irrituali dichiarazioni dell'uomo che ci governa, per sistemare i suoi fatti privati, mi "costringono" a dire qualcosa di diverso, parole che non cambieranno il corso della storia ma che almeno incanalano la rabbia che ormai ci fa compagnia da molto, troppo tempo.
Sì, quest'uomo ha stuprato tutto ciò che era possibile, la democrazia, l'Italia, forse le ragazze minorenni, il Parlamento nella sua totalità, e una buona metà degli italiani che ne sono anche contenti. Non è raro sentire persone, anche donne, che lo giustificano in ogni suo uso e abuso delle donne, sia metaforico che reale. Maschi e femmine, (non uomini e donne) che sorridono alla pretesa virilità dell'uomo in questione, gente che giustifica il suo uso e abuso del potere. Tutti insieme verso il basso senza alcuna preoccupazione.
Sembra che l'"infamia" sia divenuta una nota di merito, qualcosa di cui vantarsi. L'ultima offesa rivolta ai gay non è che un'altra goccia che si perde nel mare delle sue frasi ad effetto che tanto piacciono ai suoi elettori. Verrebbe quasi voglia di fare un elenco dei gay che tanto hanno dato alla società nei vari campi dello scibile, ma sarebbe tempo perso. Ma gli omosessuali di destra, e ce ne sono, non hanno nulla da dire?
 Non ci resta altro che rimboccarci le maniche e ricominciare a fare Politica perché lamentarsi ancora non servirà più.

6 commenti:

Ramingo ha detto...

Gap, ho provato a fare un'analisi semiseria di quella frase. Ho provato pure a dare giustificazioni a quell'affermazione. Niente... è rimasta una pericolosa stronzata.

Rouge ha detto...

E' il suo solito metodo, spostare l'attenzione su altro. Nient'altro. Non bisognerebbe prenderlo troppo sul serio.

Bastian Cuntrari ha detto...

Già altrove mi sono domandata cosa penserà - di questa sortita - Capezzone. Qui mi limito a considerare che in questo (s)porco scenario politico, l'omofobia la fa da padrone, cribbio! Mr B. e i suoi amici che ce l'hanno duro collocano i gay in fondo alla scala dei comportamenti riprovevoli: a pari merito con gli evasori fiscali, se non ricordo male. Attendo con ansia la collocazione - in scaletta - dei preti pedofili: saranno sicuramente in posizioni migliori. Statisticamente parlando...

listener ha detto...

ha risposto Julianne Moore: arcaico e idiota

Punzy ha detto...

guarda, una sola cosa mi consola. Questa immonda e invereconda frase sarà la pietra tombale del suo infausto regno

enrico ha detto...

ma guarda che si dice che alla fine stupri solo col pensiero perchè 'n gliela fa.