Pagine

venerdì 19 novembre 2010

Dividiamo l'Italia

E così ci si è inventati un modo per penalizzare ulteriormente il mondo del volontariato, quel mondo che spesso si sostituisce alle carenze dello Stato. Tanto, come al solito, si colpiscono i più deboli sia come fruitori finali (ben diversi da S.B., come lo definì Ghedini) che come operatori. Ma cosa ci può fregare a noi degli ultimi tra gli ultimi? Poveri, barboni, ex detenuti che tentano di rifarsi una vita, vittime della guerra e altro ancora. Invece di tagliare questi miseri fondi, perché non tagliare le tante spese inutili che si fanno per mantenere a Roma deputati che si fanno vivi un giorno a settimana?

Parliamoci chiaro, diciamo qualcosa di veramente rivoluzionario.
Dividiamo l'Italia ora che si può fare senza armi piuttosto che farlo poi a seguito di morti, feriti e danni. Il Nord si vuole staccare? Facciamoglielo fare, mettiamo fine a questa finta unità d'Italia che esiste solo sui libri di storia e nelle speranze di qualcuno. Quando si dice che prima vengono gli alluvionati del Veneto che quelli di Salerno cosa ci resta da fare? Quando ai leghisti non viene in mente che bastava almeno dire "agli alluvionati in proporzione con i danni" ma non lo fanno perché è un pensiero troppo profondo, cosa ci resta da fare?

Per aver detto qualcosa di banale Saviano si trova al centro di polemiche, accuse e minacce al punto che il ministro Maroni ha monopolizzato per una settimana tutti i tipi d'informazione per chiedere, e alfine ottenere, spazio in tv e in particolare nella trasmissione di Fazio e Saviano. Secondo me vuole provare l'emozione di parlare davanti ad una platea di nove milioni di persone. Allora togliamogli questa possibilità.
Cambiamo canale quando il ministro prende la parola e risintonizziamoci quando finisce. Neutralizziamo questa smania di apparire!

Sarà anche demagogica e di difficile attuazione, ma l'idea del Secolo XIX mi piace e la faccio mia. Dopo tante parole una proposta seria e di sicuro effetto. Una Italia nera, sai come schiumerebbero rabbia certi tipini in giro per il Bel Paese?

 

7 commenti:

Luz ha detto...

Insomma, hai resistito 24 ore prima di ricominciare...

Punzy ha detto...

credo meno di 24 ore..guarda, cambiare canale quando va in onda Maroni lo considero un dovere civico..come ho avuto gia occasione di dirti, per me la padania è pronta, può andare. Senza rimpianti

Chica ha detto...

ghghghghghghghghhghgghghghh......
...giusto perchè non volevo scrivere "lo sapevo"!:DD
..sei troooooooooooppo incazzoso.....

Aderisco all'iniziativa del girare canale...spero che lo faccinao tutti e gli ascolti cadano a picco come la mia stramaledetta glicemia...del resto maroni mi era più simpatico quando mordeva i polpacci ai poliziotti

listener ha detto...

io mi guardo italia australia domani pomeriggio, per il resto sarebbe ora di cambiare si canale ma anche sport...

Anonimo ha detto...

Non avevo commentato il tuo vecchio post perché mi ha fatto arrabbiare e speravo tornassi con le tua polemica, che come hai visto, a tutti noi piace tanto! Sei Gap e non puoi venire meno a te stesso!! Bel post, e bentornato!
Riccioli Neri

il Russo ha detto...

Ma come potreste fare a meno dell'intelligenza e cultura dei leghisti veneti? Rinuncereste alle fondamentali lezioni d'economia dei leghisti lombardi? E vuoi mettere, poi, lo spirito solidale e multiculturale dei leghisti friulani? Per non parlare dei leghisti cunesi, quelli per intenderci che guidano la macchina col cappello quando piove perchè temono di bagnarsi la testa...

listener ha detto...

se devo scegliere riguardo ai cuneesi ripiego inesorabilmente su quelli al rhum, quelli di cui parli sono indigeribili