Pagine

lunedì 25 ottobre 2010

Le versioni di Gap

Luz giace per terra in un lago di sangue, la lotta per il computer l'ho vinta io!
Abbiamo il telefono e di conseguenza anche internet, mo so' cazzi vostri.

Versione paranoica.
1) Avevo espresso delle critiche a Wikio per i tag messi a coda di gatto e sono sceso in classifica dal posto 1.459 al 2.374. Per inciso i tag continuano a essere messi a cazzo di cane.

2) Faccio il post sulla demenzialità della tariffa bi-oraria dell'Enel e in casa si verifica una dispersione di corrente che ci lascia al buio e abbiamo dovuto rispolverare le candele, per qualche ora abbiamo vissuto come nell'ottocento, tutto sommato non era male. Grazie Enel.

3) Non ho parlato male di Tiscali ma, contemporaneamente al guasto Enel, un fantomatico tecnico delle telecomunicazioni sarde, a detta della gentilissima operatrice Tiscali, inverte il mio cavo con quello di un altro disgraziato che è rimasto senza telefono e internet per gli stessi nostri giorni. Anche in questo caso la cosa non mi è dispiaciuta, peccato che ho perso gli ultimi aggiornamenti sulla situazione del Ponente ligure e della ridente località di Casale Monferrato. Ho una vaga idea che recupererò presto.

4) Ma l'Enel ha una compartecipazione in Tiscali?

Versione coincidenze.
Tutto quello scritto in precedenza può essere frutto di una coincidenza? Probabile, ma non dà nessuna soddisfazione a chi scrive e a chi legge. Volete mettere sentirsi perseguitati da qualcuno e non da una generica malasorte?


Se i manifestanti di Terzigno bruciano la bandiera italiana finiscono ancor più sulle prime pagine dei giornali e il fatto merita un titolo proprio nei Tg di tutte le reti ipotizzando reati di vilipendio, offese e altro ancora. Ma se un parlamentare o un ministro brucia la bandiera italiana o dichiara che serve solo per pulircisi il culo nessuno dice nulla, le denunce si perdono nei palazzi di giustizia, e a buon bisogno viene cancellato il reato e si premiano coloro che ancora non ricoprivano alcuna carica con uno strapuntino del potere corrotto di questa nazione. Se qualcuno si appropria di un bene comune come ha fatto il sindaco di Adro ci vuole l'intervento di un semplice dirigente scolastico per porre rimedio al fattaccio, ma la folta truppa di funzionari dello stato, dal presidente del consiglio fino al più sfigato rappresentante dell'ordine pubblico, cosa fanno? E se un sindaco dichiara che prende ordini solo da un segretario di partito cosa si aspetta per intervenire?

Dobbiamo ringraziare, noi dei Castelli Romani, gli abitanti di Terzigno, che grazie alla loro lotta hanno fatto sì che la manifestazione contro l'inceneritore di sabato sia andata più che bene. Che anche i castellani si stiano svegliando dopo anni di sonno della ragione? Il corteo si è snodato da Albano Laziale fino a Genzano attraversando Ariccia, in pratica pane, porchetta e vino, con una partecipazione che, a detta di qualcuno, ha toccato le 5.000 presenze, ma non ci interessa la solita lotta per i numeri. Per la prima volta abbiamo anche visto un nutrito numero di sindaci, la cosa ha talmente stupito che ci sono stati malori, svenimenti e finanche fenomeni di allucinazione collettiva quando si è visto qualche esponente del Pd. "Tanto Marrazzo è fuori dai giochi, ora c'è la Polverini e possiamo far finta che noi non c'entriamo nulla, e possiamo rifarci una verginità, con la dissennata scelta della costruzione dell'inceneritore", questo deve essere stato il pensiero dei piddini che forse fondavano sulla scarsa memoria della gente.


Un pensierino anche allo Stato di Israele e ai suoi rappresentanti, tanto per non perdere l'abitudine e per ringraziarli di darci sempre l'opportunità di scrivere di loro e delle loro malefatte. Si sono incazzati perché il sinodo dei vescovi mediorientali ha invitato Israele ad abbandonare i territori occupati. Sono arrivati a lanciare accuse di antisemitismo ma non hanno avuto nulla da dire sull'attacco di un vescovo contro l'Islam accusato di imporre la fede con la spada. Certe cose si possono dire solo quando ci fanno comodo.


Potrei anche spendere qualche parolina per Marchionne, ma mi sono rimaste solo quelle brutte che devo decidere se dedicarle alla Uilm e alla Fim o a tutti quanti insieme.

E' uscito il nuovo numero di Pace e Tempesta.


Come rientro penso che basti, un solo pensiero per un amico lontano. Torino-Frosinone 1-2. E come diceva Totò: Ho detto tutto.

8 commenti:

Zio Scriba ha detto...

A proposito di Enel di merda. Provincia di Varese, anno 2010 dopo vari cristi. Sto facendo una fatica della madonna a postare questo commento, perché qui ogni volta che piove la corrente se ne va e ritorna e se ne rivà via ogni 3-4 minuti! Con quello che si paga! Vergognatevi!!!

Gap ha detto...

Benvenuto Zio Scriba. Attento a non parlare male di Mamma Enel, come hai visto è molto suscettibile. E vendicativa.

il monticiano ha detto...

Mi sembra, leggendo, che hai rammentato tutto per quanto riguarda quello che è avvenuto durante la passata settimana.
Sicuro che non hai dimenticato qualcosa?

luly ha detto...

Così vitale ci piaci molto! Altro che chiudere......
Un abbraccio Gap, vado a leggere il nuovo numero;)

Anonimo ha detto...

Grande Gap, che bel rientro!!!!Post arguto, sagace e non hai risparmiato nessuno. Evviva chi resiste!!

il Russo ha detto...

Evviva chi resiste, concordo, e mi spingo a concordare su tutto,
Ma non posso esimemrmi da un vaffanculo di tutto cuore per la chiusa.
Stronzo.
Ti voglio comunque bene.

Marte ha detto...

Ma Luz intanto s'è ripresa?

Gap ha detto...

Luz si è rialzata silenziosa come un ragno, si è mossa alle mie spalle come un serpente velenoso e, avvolgendomi nelle sue spire, si è appropriata del pccino.