Pagine

mercoledì 7 luglio 2010

Mi hanno rovinato il post

Le prime ore del mattino, diciamo le 5, quando la prostata si fa sentire e chiede attenzione rompendoti i cabasisi svegliandoti dal meritato riposo di cassintegrato che non fa altro che leggere, pistare sulla tastiera, occuparsi della madre anziana, accompagnare quella santa donna (definizione del Russo) di Luz un po' di qua e un po' di la e altre minuzie e facezie, sono quelle che mi ispirano di più.
Questa mattina avevo pensato a un bel post su "E' scoppiata l'estate". Un post simil servizio del Tg1. Qualcosa del tipo: non esponete i bambini al sole o portate gli anziani al centro commerciale, mangiate tanta frutta, bevete tanta acqua, non mettetevi in viaggio nelle ore più calde, diminuite l'assunzione di alcol e caffeina, usate la protezione massima, non correte, non parlate al cellulare mentre guidate, controllate la pressione delle gomme quando partite, portatevi sempre l'acqua in macchina, insomma, avevo in mente tante belle idee per far si che i miei lettori si distraessero un pochino e per una volta non mi appellassero come brontolone. Ero tutto un fiorire di ironia, tante idee satireggianti anche sulla tensione tra maggioranza e opposizione, su Fini rivoluzionario, su Berlusconi che riunisce i suoi luogotenenti manco fosse Napoleone alla conquista della Russia, sui margheritini che vogliono riunirsi senza rendersi conto che sono appassiti da molto tempo. ma tutto è andato a farsi benedire, come al solito, ma da chi?
Dal Papetto che è venuto in ferie ai Castelli?
E come tutti gli anni la sua presenza impegnerà pattuglie della Ps e dei CC nella vigilanza togliendoli al controllo del territorio. Diversi anni fa, una nostra vicina anziana rientrando a casa trovò la porta di casa aperta, all'epoca eravamo gli unici "giovani" che abitavano nel palazzo e immancabilmente si rivolgevano a noi per qualsiasi problema. Con sprezzo del pericolo mi addentro nel piccolo appartamento, controllo che non ci sia più nessuno all'interno e, solennemente, annuncio alla signora: "Tutto a posto, può rientrare in casa". Orgoglioso come Batman o Nembo Kid o una Giovane Marmotta, controllo che anche la porta di casa si chiuda bene e torno nelle mie stanze. Nel frattempo la santa donna ha chiamato le Forze dell'Ordine per chiedere l'intervento di una pattuglia. Sconsolata e incazzata come una faina, ma qualcuno ha mia visto una faina incazzata?, mi riferisce che non è possibile avere una pattuglia perché sono impegnate nella sorveglianza della Villa del Papa e che, se l'anziana vuole, si può recare l'indomani a sporgere denuncia. Purtroppo hanno ragione e ne avranno sempre di più se si continua con i tagli dei fondi destinati alla sicurezza. Tanto abbiamo le Ronde, oppure no?
Ma per tornare all'idea del post nata con le prime luci dell'alba. Perché non lo faccio?
Perché aver visto le foto degli aquilani pistati dalle Forze dell'Ordine, ma gli stessi che ci "proteggono" sono gli stessi che ci manganelleno?, toglierebbe e toglie qualsiasi velleità ironica passi nella mente di chiunque, quindi anche la mia.

4 commenti:

il Russo ha detto...

A piscione delle 5 del mattino, ringrazzzia levvvalorose forze dell'ordine che tutelano l'ordine pubbbblico da li pericolosi sovversi terremotati: non vi era bastato il Bertolaso? E mò pigliatevi le mazzate!

Punzy ha detto...

poveri aquilani, il TG1 pare non li abbia degnati di uno sguardo.
Io, quando facciamo la rivoluzione, voglio Ghedini e MInzolini, voi spartitevi il resto

listener ha detto...

la vecchia e la nuova repubblica sanno tramandarsi le buone tradizioni...

silvano ha detto...

Russo, guarda che le forze dell'ordine a Roma (profondamente a Sud e sempre più ladrona, naturalmente) probabile che parlino come noialtri ostrega.

Quanto alla realtà non fa mica ridere no. Poveracci, sono le avanguardie, se qualcosa non cambierà, di quello che faranno a noi più avanti.