Pagine

giovedì 10 giugno 2010

Hard 3

Parte 2

Ormai Italia era più che rassegnata al suo triste destino, utilizzata per soddisafare gli istinti primordiali di un branco di esseri regrediti allo stato animalesco. Uomini e donne. Si congiungevano gli uni con gli altri senza distinzione, un enorme sabba che aveva come ospite principale Italia, dopo la sua iniziazione il declino era stato rapido e doloroso.
Ognuno sfogava i suoi bisogni sulla parte di corpo che preferiva e lei, muta e sottomessa, lasciava fare fino a che non era coperta di segni tangibili dei maschi padroni. Anche qualche donna lasciò segni tangibili, scorrevano come acqua del rubinetto ma erano tangibili comunque. Una caduta libera che non dava spazio a propositi e aneliti di riscatto.
Sperimentavano su di lei tutte le voglie fino al sadismo più becero e infantile, non erano seri e professionisti nemmeno in questo, che non dava di certo piacere a lei e nemmeno a loro, facevano solo del male.
La cerchia di invitati si allargava, pur di partecipare erano diventati tutti amici, ogni tanto si affacciava anche qualcuno che si limitava a vedere. La reazione dei nuovi venuti era di schifo, ma alcuni avevano evidenti segni di eccitazione, altri voltavano il viso e, dopo poco, andavano via in silenzio e a capo chino. Erano controllati a vista dagli scagnozzi del capo e non avevano il coraggio nemmeno di protestare. Solo fuori dal Palazzo alzavano la voce senza peraltro che nessuno desse loro retta.
Tra i nuovi invitati Italia riconobbe due suoi cari conoscenti, Parlamento(*) e Senato. Tante volte i due l'avevano difesa dalle insidie non solo a sfondo sessuale che le venivano fatte, loro due per lungo tempo erano stati i migliori amici, quelli a cui ti puoi rivolgere nei momenti di bisogno. Ora non più, erano lì nudi e con il loro arnese ben esposto e pronti ad utilizzarlo.
Italia era stata fatta lavare, profumare e vestire elegantemente per accogliere i due nuovi ospiti di tutto riguardo del Padrone. Ella si presentava come una giovane signora ancora piacente i cui danni fisici e morali erano stati occultati dalle mani dell'abile truccatrice agli ordini del Signorotto. E mentre costei si dava da fare con ombretti e ceroni le lacrime scendevano copiose come quelle di Italia. Era ancora bella, le sarebbe bastato un po' di riposo e di affetto per tornare la Bell'Italia di una volta, ma ora era solo una puttana che serviva per divertire gli amici degli amici.
Entrò nella stanza dove Parlamento e Senato attendevano stravaccati su eleganti poltrone con i loro membri all'aria, incuranti dell'imbarazzo di Italia e senza che loro avessero remore di alcun tipo a trascinarla, quasi con violenza, in ginocchio e chiedere la prima di una lunga serie di prestazioni. Non risparmiarono nulla che potesse essere risparmiato. Forti del fatto che non ci fossero, al contrario delle altre volte, testimoni essi diedero ampio sfogo alle loro turpitudini represse. Una vera e propria gara di durata inframmezzata da visite di un compito cameriere che a testa bassa portava ostriche, champagne e pilloline. Erano divenuti dei parvenu, ostriche e champagne al posto di cozze e vino bianco.
Tra un mettere e levare, un sopra e un sotto, un davanti e un dietro i due parlavano come se lei non fosse nemmeno in grado di capire le parole che venivano dette: "La prossima sarà la tua amichetta del cuore, e con lei non saremo altrettanto gentili". Strano concetto di gentilezza, riuscì a pensare prima che sbiancasse ancor di più. La sua amichetta del cuore, come la chiamavano loro, era COSTITUZIONE.


In questo caso, per esigenze di testo, per Parlamento si intende la Camera. (N.d.A, che significa nota dell'autore)

4 commenti:

modesty ha detto...

agghiacciante il tuo post.
volevo ridere, ma non mi veniva proprio.

love, mod

Luz ha detto...

Pensi che ora che cominciano i mondiali importerà a qualcuno dell?italia e della Costituzione? Gli italiani si faranno uscire gli occhi dalle orbite e le vene del collo gonfie non certo per difendere la propria libertà o posto di lavoro, ma per un goal mal parato da Buffon, ti pare?

Punzy ha detto...

purtroppo tua moglie mi ha preceduto, avrei voluto fare una sarcastica affermazione sull'opera di distrazione di massa operata dai mondiali..

perfido ha detto...

Non tutto il male viene per nuocere.
Se l'Italia uscisse al primo turno i tifosi butterebbero giù il governo!