Pagine

lunedì 4 febbraio 2008

Compagni al lavoro e alla lotta

Ci siamo. Si tornerà a votare per l'ennesima volta. E ancora una volta nel buio più totale.
Sarebbe lungo esaminare le posizioni di tutti i partiti. La cosa che importa è sperare che gli italiani sappiano utilizzare le loro capacità intellettive, tralasciando gli interessi personali e le finte speranze alimentate da bugiardi e mestatori, per dare una svolta alla politica italiana.
Anche non volendo addentrarsi nei casi singoli, trovo folle la posizione di Veltroni e del Partito Democratico. Come può sperare di vincere con un partito (finto) che mette insieme una Paola Binetti che va a fare i dibattiti contro la legge 194 insieme a Giuliano Ferrara con il movimento dei gay. Un partito destinato a sciogliersi dopo le elezioni quando sarà palese a tutti che la convivenza non è possibile.
(Ma avete fatto caso al continuo richiamo alla libertà, alla democrazia, al popolo, ecc. dei vari partiti? Se lo devono ripetere tutti i giorni per poterci credere anche loro.)
venedno da lontano non posso che fare appello allo slogan che veniva ripetuto alla fine dei comizi del PCI:"Compagni, ora al lavoro e alla lotta"

Gap

3 commenti:

radiobeba ha detto...

bè già sentire la parola compagni rinfranca..
io la binetti la manderei in convento, che è il posto suo.
e poi mi fa incazzare che ogni cosa dica questa nullità trova ampia eco, mentre il buonsenso delle bindi, finocchiaro e via dicendo non ha mai risonanza, mai.

La Francese ha detto...

ho letto poco e in modo superficiale, ma sapere chi sei, è vero non cambia il senso delle tue parole, ma gli da più forza, più valore e più realtà.
scusa se mi permetto, così senza approfondire, ma è stata una sera difficile :-)
La fra

Gap ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.