Pagine

giovedì 10 dicembre 2009

Attacco al cuore dello stato 7 (ovvero da un piattuccio di polenta a un piatto di merda)

Anche oggi il nostro Premier ha trovato il modo per monopolizzare l'attenzione dei media mondiali mirando in alto, prendendosela con le più alte istituzioni dello Stato con farneticanti parole pronunciate in pubblica e importante assise europea: chi non è con me è contro di me, chi non è con me è un nemico e va combattuto cambiando la carta Costituzionale. Quella carta che permette "a cittadini qualunque di diventare giudici costituzionali" e prendere il potere come dice S.B.
In qualsiasi stato democratico sarebbe partita una salva di denunce per aver vilipeso tutto ciò che è possibile. Ma siamo in Italia, quella che una volta era la patria del diritto, e ormai si può dire di tutto e fare di più. Dipende da chi lo fa e chi lo dice.
D'altronde i parlamentari di Pdl e Lega hanno respinto l'autorizzazione all'arresto e la mozione di sfiducia verso Cosentino indagato per complicità con la camorra. Questo è lo stato (volutamente minuscolo) che ci meritiamo.
Così l'ennesima esternazione del capo ha oscurato altre notizie, e le scelte giornalistiche dei direttori dei tg televisivi ci hanno messo il carico come a briscola. Persino la condanna di Corona per i presunti ricatti ai vip è passata avanti a quella che sarebbe dovuta essere la notizia del giorno.
A Torino oggi si è aperto il processo per la strage dell'eternit a Casale Monferrato, un processo fondamentale per stabilire il diritto alla salute dei lavoratori e dei loro parenti. Chi mi legge conosce il problema, ho la fortuna di avere pochi lettori ma informati, quindi non mi dilungo. Vorrei solo insistere che l'amianto e le malattie a esso collegate non sono solo un fenomeno geograficamente circoscritto ma un problema di tutti noi. Nemmeno immaginiamo quanto amianto è in giro per l'Italia, forse sopra le nostre teste.

Questo processo è un fondamentale punto di partenza per gli italiani e per tutta l'Europa. Ma le nostre televisioni hanno reputato più importante la condanna di Corona che si "vergogna di essere italiano". E' vero al peggio non c'è mai fine...

7 commenti:

listener ha detto...

Stamattina su Rai tre a cominciamo bene è stata giustamente data una grossa fetta del programma a quest'argomento, prima un intervista a Gino Strada temo che Frizzi e Di gatti diventeranno epurabili ben presto..pericolosi estremisti.
Se non sbaglio oggi era la giornata mondiale dei diritti dell'uomo..a parte che dovrebbero essere 365 le giornate dei diritti...temo di essere in forte contraddizione...vorrei che fosse sacro il diritto ad un lavoro e alla sua sicurezza...e vorrei che gli stronzi di cane perdessero il dono della favella...non sono probabilmente troppo democratico. democratico.

il Russo ha detto...

Oggi ho visto anch'io che la giornata nei vari palinsesti era partita dando ampio spazio a ciò che accadeva a Torino, poi... BOM!
Solita silurata eversiva di Berlusconi e via che tutti i tg della sera hanno relegato una notizia che trattava di più di 2.000 vittime relegata dopo 10/15 minuti dall'inizio del tiggì.
Non ti sei dilungato tu nel post (miracolo!) non voglio farlo io nel commento, quello che ritengo intollerabile oramai è che siamo oltre il pro o contro Berlusconi, oramai siamo al furto della realtà e della nostra stessa vita: possibile che tutto deve passare in secondo piano rispetto alla berlusconata quotidiana? Non ne posso più, lo giuro, non ne posso più.
Più che di attacco al cuore dello Stato qua siamo in presenza dello spargimento di sale sui resti cerebrali dello stesso...

il Russo ha detto...

http://rubicondo.blogspot.com/2009/12/mi-fermo-qui.html

Viene voglia di seguire il suo esempio...

Rouge ha detto...

@ Russo: ecco uno dei motivi per la mia bandiera bianca.

la Volpe ha detto...

io non lo accetto, dovessi scrivere da solo 10 post al giorno, per la madonna

Ernest ha detto...

hai perfettamente ragione, queste soono notizie nascoste che non devono apparire una vera vergogna... questo è il paese dell'informazione a spot

ultimobandito ha detto...

mi spiace un sacco per quello che è successo al premier.